Questo sito è ottimizzato per la visualizzazione con Explorer 7 e successivi. Se disponi di versione precedente, potresti non essere in grado di visualizzare correttamente immagini e contenuti. Ti consigliamo di aggiornare gratuitamente Internet Explorer all'ultima versione oppure utilizzare un browser differente (Firefox, Chrome)
28/10/2010 - B-TOUCH IN TOUR - inaugurazionein Parma

WEB GALLERY

 

Il 27 ottobre scorso, presso il MY HOTEL di Parma, si è svolta la prima serata-evento organizzata da Brain Bee spa, azienda parmense a capo di un prestigioso gruppo internazionale leader nella produzione di strumentazione per le autofficine.

 

L’evento, organizzato in collaborazione con STARTECH srl, distributore autorizzato per la zona, è stato il primo di un ricco calendario di appuntamenti che toccherà diverse città italiane ed Europee nei prossimi due mesi.

 

Con lo slogan “IL MAGIC TOUCH per la TUA OFFICINA”, gli appuntamenti Brain Bee  sono rivolti ad Autoriparatori e titolari di Carrozzerie interessati ad approfondire temi legati all’autodiagnosi e all’evoluzione nel mondo della strumentazione per ricarica degli impianti aria condizionata veicoli.

 

Come preannunciato, per la serata inaugurale di Parma la risposta dei numerosi professionisti della provincia non si è fatta attendere.

Richiamati soprattutto dall’interesse sugli importanti e innovativi temi trattati e dal prestigio legato al marchio promotore dell’evento, un folto pubblico è accorso a presenziare alla serata Brain Bee, durante la quale, oltre alla presentazione del nuovo strumento di autodiagnosi B-TOUCH (un progetto all’avanguardia totalmente targato “made in Parma” ) l’azienda parmigiana si è fatta promotrice di un momento di approfondimento e chiarimento circa le  normative europee  che andranno fortemente a impattare sull’operatività in officina con riferimento al servizio di manutenzione impianto A/C dei veicoli (DIR. 2006/40/CE).

 

Particolarmente gradito è stato il momento nel quale, al termine della discussione sui temi della serata, gli autoriparatori sono stati invitati a provare sul campo (vale a dire, direttamente sulle auto presenti in sala) quanto avevano appena appreso, attribuendo così concretezza all’evento stesso.

Una cena conviviale ha infine  concluso con allegria la serata.